17 ottobre 2017

Luca Pilolli, sull'etimo di Coniuge (semiserio).

Oggi ho letto l’etimo di CONIUGE, (con=com=insieme iug=jug=uniti ma anche inteso come ju-gum=giogo e il giogo è anche quella cosa che si mette ai buoi per legarli al carro, ma era anche una porta bassa fatta da 3 bastoni che i romani costruivano per farvici passare sotto NUDI e CHINATI gli avversari sconfitti)
Pensa te che etimo nobile che ha “coniuge”.

Il mio amico Carlo su FB mi scrive:
[…] al tempo di Roma caput mundi, quando una coppia si sposava, veniva loro regalata una tavoletta di legno con la seguente incisione, da un lato due buoi m. e f. legati da un giogo che trascinavano un pesante aratro e sotto la scritta conjuntos vincimur… [insieme si vince] e dall’altro lato due bicchieri in cocci e la scritta
confligentes frangimur” [in conflitto ci infrangiamo entrambi] pensati quanto erano lungimiranti […]

10 ottobre 2017

Aurora Chersica, sulle parole, sulle azioni e fatti.

Le parole non valgono niente, valgono nel momento in cui sono sostenute da una valanga di azioni e di fatti.
Aurora Cherisca
2017 | 10 | 06 – Luca: letto in un commento di Aurora su FB

06 ottobre 2017

Proverbio indiano sul corpo.

“Se vuoi sapere come sarà il tuo corpo domani, osserva come pensi oggi. Se vuoi sapere come pensavi ieri, guarda il tuo corpo oggi.” Proverbio indiano

2017 | 06 | 10 Letto sulla pagina FB di Elisa Kosuta

19 settembre 2017

Annamaria Testa cita Vincenzo Moretti sul lavoro ben fatto.

Qualsiasi lavoro, se lo fai bene, ha un senso. Dove tieni la mano devi tenere la testa, dove tieni la testa devi tenere il cuore.

Annamaria Testa cita Vincenzo Moretti

2017 | 09 | 19

Luca Pilolli, sui vegetariani, vegani ed i surrogati di cibi animali.

Mi sembra che chi vuole essere vegetariano e vegano e si mangia surrogati vegetali di cibi animali non abbia capito molto dell’idea di mangiare più salutare, semplice ed energetico. Tuttavia comprendo la fatica nell'abbandonare vecchie abitudini. Potenzialmente costoro, a mio avviso, sono all'inizio di un viaggio di riscoperta e ridefinizione del cibo. Perché in primo luogo il cibo è cultura.

Luca Pilolli
19/09/2017

Luca Pilolli


12 settembre 2017

Luca Pilolli, sul lamentarsi.

Non c’è epoca che non si lamenti della propria epoca. Non essendo nemmeno io immune al lamentarmi, in questi casi mi ricordo un bell’aforisma: “lamentarsi vuol dire illudersi di aver fatto qualcosa senza aver dovuto cambiare niente.”

Luca Pilolli
12/09/2017

Luca Pilolli



09 settembre 2017

Luca Pilolli, sulle domande poste e sulle risposte.

Prima di dare una risposta io uso chiedermi se la domanda è seria, è posta bene, è di qualità. Quando non lo è invito le persone a ragionarci su, altrimenti si chiama far lavorare gli altri a scrocco.
Luca Pilolli
09 | 09 | 2017

Luca Pilolli

28 agosto 2017

Annamaria Testa cita Foster Wallace

Foster Wallace ricorda agli studenti che la vera educazione al pensiero non riguarda la capacità di pensare, ma la scelta di che cosa pensare.

Annamaria Testa cita Foster Wallace

2017 | 08 | 28 – Letta su un articolo di Annamaria Testa

Nello stesso articolo ho trovato acute anche queste parole: “In altre parole: anche se facciamo fatica a rendercene conto, come individui siamo molto più spesso alla periferia che al centro degli eventi. Perfino gli eventi che ci vedono protagonisti sono quasi sempre alla periferia di altri eventi.”

 

19 luglio 2017

Elon Musk, sul perché è importante che ti piaccia realmente qualsiasi cosa tu stia facendo

[…] Dato che anche se si è o si fa il meglio del meglio, c’è sempre una possibilità di fallimento, pertanto penso che è importante che ti piaccia realmente qualsiasi cosa tu stia facendo.

Se non ti piace … la vita è troppo corta.
Se hai bisogno di parole ispiratrici, non farlo.

[…] Perché se è importante, anche se le probabilità sono che non avrà successo, allora vale la pena di cercare di farlo. […]

Elon Musk

Tratto da un video visto il 6 Luglio 2017

Elon Musk



Luca Pilolli, sulle occasioni e sui treni.

Quando una persona usa la metafora del treno che è passato sta usando una scusa come altre. Perché le persone non sono treni, non hanno ruote di ferro ai piedi e non vanno su un unico binario di ferro, sono persone con una mente, un cuore, e decidono che strada prendere quando vogliono.

Luca Pilolli
19/07/2017

Luca Pilolli


04 luglio 2017

Luca Pilolli, sul raggio d'azione.

Sai cosa devi fare quando vuoi qualcosa che è lontano dal tuo raggio di azione?
Smettila di ringhiare se non vuoi rimanere come un cane legato con una catena al palo. Spostati. Spiega le ali e prendi il volo.

Luca Pilolli

2017 | 07 | 04

Roberta Giallorenzi: "c'è chi ti risponde bau"

Luca Pilolli, sul sollevare cose che hanno peso.

Anche se ho una discreta forma, finora non sono stato un granché come sollevatore di pesi,  penso perché ho allenato di più i muscoli per essere un sollevatore di concetti che hanno peso.

2017 | 07 | 04

Luca Pilolli

Luca, sul raggio d’azione.

Sai cosa devi fare quando vuoi qualcosa che è lontano dal tuo raggio di azione?
Smettila di ringhiare se non vuoi rimanere come un cane legato con una catena al palo. Spostati. Spiega le ali e prendi il volo.

Luca Pilolli

2017 | 07 | 04

Roberta Giallorenzi: “c’è chi ti risponde bau”

03 luglio 2017

Luca Pilolli, sulle sfide sportive e artistiche.

Un goal non è opinabile, un canestro non è opinabile, una schiacciata a palla a volo non è opinabile, una buca in golf, o a bigliardo non è opinabile e potrei fare molti altri esempi.
In pratica ci sono attività sportive che si prestano alla valutazione oggettiva di una sfida, altre no, cioè quelle artistiche. Il ballo secondo me non dovrebbe prestarsi alla sfida, come nemmeno la musica, perché le valutazioni personali dei “giudici” appunto restano gusti personali e “de gustibus non est disputandum” (sui gusti non c’è disputa, gusti son gusti), dalla notte dei tempi.

Luca Pilolli

2017 | 07 | 03

18 maggio 2017

Nassim Nicholas Taleb sul libero mercato e sull'aggressività.

[…] il libero mercato funziona perché permette alle persone di avere fortuna procedendo per tentativi in maniera aggressiva, non grazie a premi o “incentivi” per la bravura. La strategia vincente consiste quindi nel darsi da fare il più possibile e nel cercare di collezionare il maggior numero di opportunità di Cigni neri.

Nassim Nicholas Taleb

2017 | 05 | 18 riletta in questa data, riporto il passo del testo per capirne il contesto:

[…] Dato che i Cigni neri sono imprevedibili, dobbiamo accettare la loro esistenza (invece che tentare ingenuamente di prevederli). Ci sono moltissime cose che possiamo ottenere focalizzandoci sull’anticonoscenza, ossia su quello che non conosciamo. Tra i numerosi vantaggi vi è quello di poter collezionare Cigni neri fortunati (di tipo positivo) aumentando al massimo l’esposizione a essi. In alcuni campi, come la scoperta scientifica e gli investimenti in capitale di rischio, il successo legato a ciò che è sconosciuto è sproporzionatamente alto, poiché di solito da un evento raro si ha poco da perdere e molto da guadagnare. Vedremo che, contrariamente a quanto sostengono le scienze sociali, quasi nessuna scoperta o tecnologia di rilievo è nata dalla progettazione e dalla pianificazione: si è semplicemente trattato di Cigni neri. La strategia di ricercatori e imprenditori consiste nel fare poco affidamento sulla pianificazione top-down, nel darsi da fare il più possibile e nel riconoscere le opportunità quando si presentano. Non sono perciò d’accordo con i seguaci di Marx e con quelli di Adam Smith: il libero mercato funziona perché permette alle persone di avere fortuna procedendo per tentativi in maniera aggressiva, non grazie a premi o «incentivi» per la bravura. La strategia vincente consiste quindi nel darsi da fare il più possibile e nel cercare di collezionare il maggior numero di opportunità di Cigni neri. […]

Nassim Nicholas Taleb, sulle regole e sui fatti.

[…] non apprendiamo regole ma fatti, solo fatti.

Nassim Nicholas Taleb

2017 | 05 | 18 – Riletta oggi, riposto il passo esteso:

Noi non impariamo spontaneamente il fatto che non impariamo. Il problema sta nella struttura della nostra mente: non apprendiamo regole ma fatti, solo fatti. Pare che non siamo molto bravi a recepire le metaregole (come la regola per cui abbiamo la tendenza a non apprendere le regole. Disprezziamo appassionatamente ciò che è astratto.

Nota: “meta” vuol dire sopra quindi metaregole vuol dire regole che stanno sopra.

16 maggio 2017

Luca Pilolli, sul pensiero unico scientifico e sui cigni neri.

Quando un ricercatore indipendente afferma cose che stanno al di fuori del pensiero unico scientifico non accreditato diventa un eretico. Eppure sono proprio gli eretici che hanno più chance di trovare i cigni neri.

Luca Pilolli

2017 | 05 | 16

14 maggio 2017

Seneca, sulla religione.

La Religione è considerata vera dalla gente comune, falsa dalle persone sagge, utile dai governanti.

Seneca

2017 | 05 | 14 – Letta in questa data su internet.

12 maggio 2017

Enrico Lipani, sul conoscere, applicare, e sulla esperienza.

Un conto è conoscere e un conto è applicare, e l’esperienza in molti casi fa la differenza.
Enrico Lipani
2017 | 05 | 12 – sentita in un video di Enrico Lipani nel quale spiega come certe materie non è possibile apprenderle in 3 giorni, perché appunto “Un conto è conoscere e un conto è applicare, e l’esperienza in molti casi fa la differenza.” ;-)

11 maggio 2017

Luca, sulla luce in fondo al tunnel.

La luce in fondo al tunnel non c’è, perché l’interruttore è all’inizio del tunnel 😂

Luca Pilolli

2017 | 05 | 11 – un po’ di ironia soverchiante.

Luca Pilolli, sulle valutazioni a scuola.

Al di là del fatto che un maestro deve essere “ALLEATO” dell’allievo per aiutarlo a correggere gli errori (Daniela Lucangeli – Lectio magistralis docet) invece che “Giudice Valutatore” (spesso privo di empatia nella mia esperienza scolastica) mi sono spesso chiesto perché in una valutazione da 0 (non sapere nulla) a 10 (sapere tutto), 5 non esprimesse un livello di conoscenza medio, invece che insufficiente. Questa cosa l’ho sempre trovata deficiente. L’unica cosa che mi consola da adulto è che la fuzzy logic mi da ragione.

Luca Pilolli

2017 | 05 | 11

Daniela Lucangeli, sulle emozioni e sulle parole.

Noi pensiamo che le emozioni vengano mediate delle parole, invece non è così. Le parole non sono i mediatori fondamentali, lo sono i toni ed i sistemi non verbali, cioè lo sguardo ed i toni della voce.
Daniela Lucangeli.
2017 | 05 | 11 -> sentito in questa data in questo video: Daniela Lucangeli – Lectio magistralis: gli effetti del potenziamento nelle learning disabilities (ho linkato il minuto secondo nel quale lo dice così da poter sentire l’esempio che fa).

Luca Pilolli, sulle emozioni, sul controllo e sulle decisioni.

Chi non controlla le proprie emozioni non controlla le proprie decisioni.
Luca Pilolli
2017 | 05 | 11 – Parafraso l’aforisma “chi non controlla le proprie emozioni non controlla il proprio denaro”. Perché l’aforisma sottintende (e pertanto omette) che prima del denaro a livello gerarchico ci sono le “decisioni” su come gestirlo e usarlo. Quindi in modo più generale “chi non controlla le proprie emozioni non controlla le proprie decisioni.

Luca Pilolli, sulla paura e sulla conoscenza.

La paura teme la conoscenza.
Luca Pilolli
2017 | 05 | 11 – parafraso l’aforisma “la malattia teme la conoscenza” perché spesso abbiamo più problemi con la paura indotta dall’interpretazione dello scenario che ci immaginiamo a causa della malattia piuttosto che con la malattia stessa.

07 maggio 2017

Protagora, sull'uomo e sul misurare.

L’uomo è la misura di tutte le cose, di quelle che sono in quanto sono, e di quelle che non sono in quanto non sono.
Protagora
2017 | 05 | 07 -> riletta su wiki in questa data. Era ora di riportarla per l’importanza che ha.

06 maggio 2017

Bertold Brecht, sull'ingiustizia e sulla resistenza.

Quando l’ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa dovere.
Bertold Brecht
2017 | 05 | 06  -> Letta in questa data sulla copertina di un profilo FB.

19 aprile 2017

Mauro Corona, sulla vita.

La nostra vita non è improntata all’azione, ma alla reazione rispetto a ciò che ci è successo o modelli che abbiamo subito. Per questo ogni giorno perdiamo un’occasione per essere felici. E allora non perdete tempo, siate voi stessi fino in fondo. Scegliete. Il romanzo della vostra vita è uno e nessuna casa editrice ve lo ristamperà.

Mauro Corona

2017 | 04 | 19 Letta qui.

Mauro Corona, sulla lealtà e sulla responsabilità delle proprie scelte.

La lealtà è molto importante, io sto bene quando sento che di una persona mi posso fidare. Ma mi riferisco anche alla lealtà verso noi stessi. Bisogna avere il coraggio di prendersi sempre la responsabilità delle proprie scelte, e sapere che spesso ad ogni nostra gioia corrisponde una delusione altrui.
Mauro Corona
2017 | 04 | 19 – Letta qui 

13 aprile 2017

Luca Pilolli e Roberta Giallorenzi, sul pensiero, l'azione ed i risultati.

Se solo pensiamo non otteniamo nessuno risultato concreto.
Se solo agiamo senza pensiero strategico otteniamo risultati senza saperli correggere in modo efficace.
Pensiero + Azione + Riflessione + RiAzione = Risultati incrementali.
Luca Pilolli
2017 | 04 | 13
Completamento e miglioramento cibernetico e strategico dell’aforisma: “il pensiero uccide l’azione“.
Roberta Giallorenzi ha aggiunto:

Se agiamo senza pensiero non otteniamo nessun risultato efficace. Se agiamo senza pensiero strategico otteniamo risultati non misurabili e non migliorabili. Pensiero + azione + strategia + consapevolezza = riadattamento dell’azione e miglioramento del risultato.
L’azione senza pensiero programmato uccide il miglioramento.
Pensiero programmato inteso come pensiero strategico.

05 aprile 2017

Luca Pilolli, sul saper aspettare.

Siediti lungo la riva del fiume e aspetta, prima o poi vedrai nuotare verso di te il tuo amico.

Luca Pilolli

2017 | 04 | 05 – oggi ho scritto questa frase, traendo spunto e parafrasano la famosa frase di Confucio:
“Siediti lungo la riva del fiume e aspetta, prima o poi vedrai passare il cadavere del tuo nemico.”
parafrasandola in versione semiseria e in chiave diversa cioè in riferimento all’arte di saper mandare dei semi di saggezza ai propri amici, e saper aspettare il tempo necessario perché questi attecchiscano e producano i loro frutti.

31 marzo 2017

Luca Pilolli, sul SE e sul NONOSTANTE, sul fallire e diventare grandi.

Il “SE” ci può portare a fallire, nella vita si diventa Grandi “NONOSTANTE”.

2017 | 03 | 17

Luca Pilolli: questo è la mia proposta di miglioramento di un aforisma che ho letto oggi su facebook a sua volta tratto dal film “fai bei sogni” che recitava così:

Il “SE” è il marchio dei falliti. Nella vita si diventa grandi “NONOSTANTE”.

Appena l’ho letto mi sono subito subito reso conto di una incongruenza e una violazione:
-> mentre la prima parte della frase: il “SE” viene attribuito come “marchio dei falliti” attaccando l’identità della persona (violazione incongruente con la seconda parte),
-> la seconda parte: Nella vita si diventa grandi “NONOSTANTE”. Il diventare grandi è un procedimento (come è giusto che sia) e non attacca ne in positivo ne in negativo l’identità.

Quindi: se NONOSTANTE è un processo attraverso il quale si “diventa”, allora anche il SE deve esserlo, senza se e senza ma. ;-)

03 marzo 2017

Alex Orlowski, su se stessi.

La persona con cui passerai più tempo sei tu stesso, quindi la cosa migliore è fare di te una persona più interessante possibile.

Alex Orlowski

2017 | 03 | 03 – Letta sul suo profilo FB.

Roberta Giallorenzi, sul tempo.

Il tempo se non programmato diventa un limite.
Roberta Giallorenzi
2017 | 03 | 03

Roberta Giallorenzi
Roberta Giallorenzi

31 gennaio 2017

Seneca, sul vivere, insegnare e imparare.

[…] Vivi con quelli che possono renderti migliore e che tu puoi rendere migliori. C’è un vantaggio reciproco, perché gli uomini, mentre insegnano, imparano […]

Seneca

2017 | 01 | 31 – letta online

27 gennaio 2017

Balthazar, sul controllare se stessi e credere in se stessi.

“Niente scorciatoie. Più forte è l’uomo, più forte è la sua magia. Non puoi controllare i tuoi poteri se non controlli te stesso. Devi smetterla di preoccuparti e incominciare a credere in te stesso”.
Balthazar Blake
Frase detta da Balthazar (recitato da Nicolas Cage) nel film “Apprendista Stregone

13 gennaio 2017

Luca Pilolli versus Anonimo, sul correggere un sapiente o un nemico.

Correggi un sapiente e lo farai più sapiente. Correggi un ignorante e lo farai tuo nemico.
Anonimo
Gli insegnanti sapienti correggono ogni giorno generazioni di ignoranti e non per questo hanno generazioni di nemici.
Luca Pilolli
2017 | 01 | 13 – Altrimenti gli studenti di scuola sarebbero nemici di tutti gli insegnanti secondo colui che ha inventato il primo aforisma. Oppure semplicemente non aveva una strategia efficace per insegnare, quindi comunicare e pertanto colpevolizza l’altro?

Il problema non è l’ignoranza o la sapienza, quanto l’efficace gestione dell’emozione della persona che si sta correggendo e del contesto (ed del suo ruolo, che fa parte del contesto).

Luca Pilolli

10 gennaio 2017

Luca Pilolli, sul dare e togliere potere.

Mentre stai guardando indietro non puoi guardare avanti.

Luca Pilolli

2017 | 01 | 09

Aforisma che usato per sintetizzare questo concetto:
Togli potere negativo al passato, perché continua a togliere energia emozionale, tempo attenzione e azioni al presente.
Mentre se dai al presente la massima attenzione, potere positivo e propulsivo al percorso che devi fare, o scoprire, oggi per raggiungere i tuoi obiettivi, è molto probabile che perseverando nel futuro prossimo li raggiungerai.

03 gennaio 2017

Luca Pilolli, sui punti di vista.

Da come la giri la merda è merda o concime.

Luca Pilolli

2017 | 01 | 03 – C’è un bel vantaggio ad essere ironici ;-)

02 gennaio 2017

Voltaire, sul coraggio, sul buon umore.

La più coraggiosa decisione che prendi ogni giorno è quella di essere di buon umore.

Voltaire

2017 | 01 | 02 letta su FB